Lagorai – Erdemolo e Creste


E’ vero, non è la prima volta che scelgo il Lagorai come meta di gite del week end, giusto una settimana fa ero in Costalta 2000m circa e nei primi anni di montagna sceglievo sempre questi posti.
Oggi doveva essere il giorno “della memoria”, del mio secondo giro fatto in montagna, quello in cui ho conosciuto “il tappeto di nuvole”, “il male alle ginocchia”, “il male ai piedi”, ma anche uno splendido tramonto.
Ricordo ancora con piacere Lorenzo (il gestore del 7 Selle) consigliarmi uno dei suoi giri semplici…. Ai tempi ero poco più che capace di arrivare con passo da tempi SAT sino al Rifugio e lui mi consigliò uno dei giri che prima o poi voglio rifare (in quanto oggi, ho dovuto abbandonare causa maltempo). Esso consisteva nel portarsi al Rifugio, successivamente Forcella d’Ezze, Lago d’Ezze, Malga d’Ezze, Bocchetta d’Ezze, Malga Valtrigona, Malga Cagnon di Sotto, Passo Palù, Palù del Fersina, arrivai con la gambe a pezzi, alle 18.30 alla macchina con l’amico Fabrizio, uno dei primi compagni di avventure…..

Quindi…………..

Questa mattina sono partito, con un’idea in testa, fare quel giro, ma osando, quindi allargandolo…. Quindi alle ore 7.30 suona la sveglia, sbrigo i convenevoli, faccio colazione e mi porto a Palù del Fersina.
NB: Non più a Frotten dove ora sorge un parcheggio a pagamento 6 EURO , ma un’attimo prima a destra svolto e parcheggio in un parcheggio privato adibito appunto a chi come me, preferisce farsi i 40min in più di tabella SAT (che in realtà io ho contato 15 ma vabbeh….).

Cartelli Indicanti il Rifugio Sette Selle o il Frotten

Cartelli Indicanti il Rifugio Sette Selle o il Frotten

Questo percorso sostanzialmente ti permette di raggiungere il parcheggio a pagamento (se si devia più avanti sul 324a), oppure di bypassarlo collegandosi direttamente con la strada che va verso le miniere o il Rifugio Sette Selle.
Il mio percorso prosegue, non c’è nessuno….

IMAG1682

Cartelli SAT Indicativi

IMAG1685

Maso Lenzi.

Dopo circa 40min di percorso a passo piuttosto veloce sopraggiungo a Maso Lenzi, dove si apre un bel prato e si inizia a intravedere parte del mio percorso

IMAG1686

Sentiero che porta ad Erdemolo

Dopo una pausa idrica e culinaria mi rimetto in marcia di buon passo e raggiungo il Lago di Erdemolo 2006m in altri 30min.

 

IMAG1688

Creste sopra il Lago

IMAG1691

Lago di Erdemolo

La vista è stupenda, esce un pò di sole che non riesco a immortalare, ma cmq riscalda un pò, mi ricordo che è il 2 agosto per tanto il sole dovrebbe fare il suo sporco lavoro, mi ricordo pure che son in ferie, anche se è l’ultimo sabato di questa minivacanza di 7 giorni, per tanto cerco di rallentare il passo, ma il vento suggerisce diversamente, quindi tengo il ritmo.

IMAG1693

Copertura misteriosa

IMAG1692 Risalgo tra lingue di neve ancora presenti che vanno a formare dei laghetti, a una copertura di una probabile ex malga o ex riparo.

IMAG1695

Lago di neve

La temperatura per essere il 2 agosto è frizzante, il vento va e viene, ma sopratutto il cielo si sta oscurando e in me inizia a sorgere un piccolo dubbio sulla fattibilità del mio itinerario.

IMAG1698

Passo del lago

ma non mi lascio scoraggiare, intanto raggiungo il Passo del Lago dove incontro dei bellissimi amici con i quali mi fermo a contemplare il silenzio.

IMAG1699

Compagni al Passo

E’ tutto molto selvaggio, vedo una solitaria e gli scatto una foto, resto fermo a contemplarlo, ma ahimè le nuvole e le nebbie inizia a risalire parte del mio tracciato…

IMAG1700

Solitaria

Ogni tanto uno sguardo a sinistra e si intravede in lontananza il Lago appena passato.

IMAG1701

Lago di Erdemolo

Arrivo su Cima del lago e mi scatto una foto, il vento è piuttosto forte quindi faccio presto, per non iniziare congelarmi.

IMAG1707

Selfie su Cima del Lago

La faccia dice tutto ……

IMAG1710

Cima del Lago

Proseguo per il sentiero che le intemperie quest’anno hanno profondamente segnato, a colpi manca proprio, frane, acqua eccessiva scava rigagnoli e sfalda i tracciati, infatti per questo quasi riesco nell’impresa di perdermi…. (su una cresta è un colmo).

IMAG1704

resti di accampamenti

IMAG1703 Resti di accampamenti sono segni evidenti che qui i nostri predecessori hanno combattuto o cmq solo sopravvissuto alla montagna nel periodo della guerra, il pensiero è rivolto anche a loro.

IMAG1712

Forcella Cavè

Incontro una persona con la quale scambio 4 chiacchiere, insieme poi faremo il percorso sino al Rifugio Sette Selle. Si chiacchiera di tutto e di più, la montagna crea anche questo… Persone mai conosciute rivelarsi per pochi attimi ottimi compagni di viaggio.

IMAG1713

Insieme percorriamo il sentiero 343.

IMAG1714

Facendo attenzione sotto alla forcella Sopra Conella la presenza di neve ancora rimasta in un punto, di facile passaggio, ma che con scarpe da ginnastica si rivela piuttosto scivoloso :)!!

IMAG1716

Arriviamo al Rifugio, saluto l’amico e mi fermo a mangiare, un pasto frugale (polenta con crauti e salsiccia), giusto per riempirmi un pò lo stomaco con l’idea che poi avrei proseguito per il giro sopracitato.
Ahimè però inizia a piovere e neanche poco, sono quindi costretto a rinunciare, un forte temporale si sta avvicinando da Sud/Est.
Ne approfitto quindi per chiacchierare con Lorenzo e alcuni presenti nel Rifugio per poi finito il primo dei piovaschi, lanciarmi verso valle.
IMAG1718

Durante la discesa si apprezza il gran lavoro fatto dal gestore nel rimettere in sesto il sentiero che con le nevicate abbondanti ha reso inagibile praticamente tutta la parte  sopra il Laner.IMAG1720 IMAG1724

infine arrivo al parcheggio gratuito che è inesorabilmente vuoto..
Mi chiedo io, è la crisi o la voglia di fare 20minuti in più di cammino ad allontanare i turisti da un Rifugio così magnifico e una parte di Lagorai così fantastica?
Non ha nulla da invidiare dal parcheggio di Frotten dove spendi 6 euro, non hai un parcheggio custodito, non ci sono servizi ed è più piccolo….
lasciamoli fare…………..

2 risposte a "Lagorai – Erdemolo e Creste"

    • Buon giorno a lei, la ringrazio per il feedback sul blog.
      Sicuramente visiterò il vostro blog, ma vorrei sottolineare, come scritto anche nella pagina “Perchè questo blog?” (https://trapiantalan.wordpress.com/perche-questo-blog/) che questo non è un blog di Montagna.
      Questo blog è il resoconto di vita di un soggetto che è stato sottoposto a doppio trapianto di organi e che vive la sua vita migliorandone esponenzialmente il tenore, grazie allo sport, alla montagna appunto.
      Saluti

      "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.